Nel 2018 il Baden Württemberg celebra le eccellenze enogastronomiche di questo fertile lembo verde del Sud della Germania con numerose sagre, eventi alla scoperta del territorio. La regione del Baden-Württemberg, nel sud-ovest della Germania, confina con Francia e Svizzera ed è facilmente raggiungibile dall’Italia in auto, treno o aereo. Land tra i più popolosi del Paese, vanta diversi primati. È la regione con il maggior reddito pro-capite della Germania e quella con il miglior sistema scolastico. È conosciuto per l’eccellente offerta culturale, così come per la lunga tradizione termale, i vini i e la cucina gourmet. Una delle aree più visitate della Germania, offre una grande varietà di panorami e paesaggi, che vanno dagli incontaminati boschi della Foresta Nera alla vivacissima Stoccarda, fino al Lago di Costanza

Terra generosa di ottimi vini, soprattutto rossi, culla di una millenaria tradizione enogastronomica, patria della birra ma anche scrigno di specialità ancora poco note o dimenticate, il Baden Württemberg è un inno alla cultura culinaria. Nel senso più stretto della parola. Qui non si tratta solo di stuzzicare i sensi –olfatto e gusto in primis- e di soddisfare la gola, ma di scoprire attraverso il cibo l’anima di questo Land. Qui l’offerta culinaria va molto oltre e soddisfa chiunque, salutisti e vegetariani inclusi. Questa zona è apprezzata per la produzione di asparagi grazie al clima mite ed al terreno sabbioso. Al pregiato turione è dedicata la Strada dell’Asparago (Spargelstrasse), che corre per 136 chilometri dal Kurpfalz, il Palatinato renano ovvero la regione di Mannheim e Heidelberg, fino alla Foresta Nera, attraverso l’area collinare del Kreichgau. Fantastico è percorrerla proprio nella stagione degli asparagi, visitando le aziende agricole, fermandosi a mangiare piatti a tema nelle locande e acquistando ai chioschi mazzi di ortaggi appena colti. Imperdibile, soprattutto quest’anno, la tappa al castello di Schwetzingen, dove si festeggia il 350° dall’avvio della prosperosa coltivazione. Nel Baden Württemberg si producono inoltre ogni anno 250.000 tonnellate di mele, coltivate sulla mite sponda tedesca del Lago di Costanza. Nella stagione del raccolto si celebrano le Settimane della Mela, quest’anno dal 22 settembre al 14 ottobre, con visite guidate ai frutteti, alle aziende agricole, alle cantine di torchiatura e alle distillerie per assistere all’intera filiera: dal frutto al celeberrimo Apfelsaft, fino al sidro e la grappa. Nell’occasione è anche possibile partecipare al raccolto e naturalmente degustare la pregiata mela del Lago di Costanza.

Regina  anche di numerose feste e sagre nel territorio. E poi c’è la cipolla speciale Höri Bülle, fregiata della Igp e presidio Slow Food. Di un colore rosso chiaro, quasi marrone, di forma rotondeggiante con poli schiacciati, succosa e dall’aroma sottile e leggermente piccante, cresce esclusivamente sulla penisola di Höri, sempre sul Lago di Costanza. Il 7 ottobre è la sua festa: oltre 40 stand ne svelano i segreti e i molteplici impieghi, dalla cucina fino alla grappa, passando per le richiestissime trecce. Non potevano mancare i crauti, ma non i “soliti” Sauerkraut, conservati in salamoia e dal gusto acido, bensì il cavolo-cappuccio, vero concentrato di vitamina C. Alle porte di Stoccarda, nel comune di Filder, da 40 anni se ne produce una qualità particolarmente pregiata, a punta, protagonista della seconda festa dei crauti per importanza in Germania. E’ il Filderkraut Igp, coltivato esclusivamente nell’altopiano dei Filder appunto, e molto gustoso. Delicato e dolce, viene consumato a crudo in insalata o al forno. La sagra è in calendario dal 19 al 21 ottobre. Una scorpacciata anche per l’occhio, che vuole la sua parte, è invece la Mostra Internazionale della Zucca di Ludwigsburg. Oltre 450.000 sculture assemblate con un incredibile assortimento di variopinte cucurbite. A corollario, la regata delle zucche (si rema galleggiando all’interno di enormi ortaggi svuotati), il campionato mondiale per la zucca più pesante (si parla di quintali) e la festa del taglio e intaglio della zucca (a colpi di coltello ma anche di motosega). Ovviamente non mancheranno degustazioni di zucca in infinite ricette. Una festa lunghissima, dal 31 agosto al 4 novembre. Il vino e la birra sono dei grandi classici della tradizione enogastronomica del Baden Württemberg. Quanto al vino, storica produzione di questa terra, è protagonista di feste e iniziative speciali tutto l’anno, non solo nella stagione della vendemmia. Anzi, consigliamo di scoprire i vigneti a maggio, in occasione del Wein-KulturFestival e del mese del vino, che offrono infinite attività legate alla vitivinicoltura. Agli amanti della birra, segnaliamo invece, il 5 agosto, l’appuntamento con la Hopfenwandertag (la camminata della birra), nell’ambito del Bierfestival di Tettnang. La località è famosa per l’alta qualità del suo luppolo, battezzato “oro verde” fin dal Medioevo. In occasione della festa, ci si muove lungo il sentiero della birra sostando di borgo in borgo per rinfrescarsi con un bel boccale, prima di raggiungere il traguardo finale: l’Hopfengut N°20, birrificio, museo, ristorante e locanda.

Il tutto immersi nella splendida natura del Baden Württemberg grazie ai numerosi sentieri e ciclabili.  La ciclabile Tour de Spargel, adatta a tutte le gambe, attraversa la piana del Reno per 108 chilometri, il già citato Sentiero della Birra di Tettnang si snoda per 4 chilometri tra paesaggi bellissimi, birrifici, birrerie e musei. Sempre sul tema, i 14 chilometri un po’ più impegnativi dell’itinerario della birra si dipanano attorno a Ehingen, nelle Alpi Sveve. Gli amanti della bionda, si spingano poi fino ai 1.000 metri, lungo la strada della Rothaus Zäpfle: è qui il noto birrificio, il più alto di Germania. Per gli enonauti ecco invece la Württemberger Weinradweg, ciclovia attraverso favolosi vigneti, anche famosi, dalla valle del Neckar a quella del Tauber. E per finire sempre con un bicchiere in mano, citiamo anche le Schnapsbrunnenwege attorno a Sasbachwalden, nella Foresta Nera. Sentieri di varia difficoltà, che conducono di fontana in fontana… ma niente paura: nell’acqua si nasconde l’alcol! Nelle fonti attendono il viandante o il ciclista grappe e liquori locali (ma anche bevande analcoliche) per offrire refrigerio e un assaggio di questa terra. Infine una vera chicca: la ciclabile del farro verde (Grünkern Radweg). Il tracciato tocca quattro regioni del Nord del Land, che hanno riscoperto questo raro cereale, colto prima della completa maturazione delle spighe, un tempo sostentamento dei poveri e oggi prelibatezza Dop e presidio Slow Food. Recupero della tradizione anche lungo la via del pane di Yach, nella Foresta Nera meridionale, che per 12 chilometri conduce alla riscoperta degli antichi riti di panificazione, di forno a legna in forno a legna.

baden 03
apfelsaft
baden 05
static1 squarespace com
baden 01
baden 02
002Rothaus