E’ una delle regioni della Germania più vicine all’Italia: il Baden-Württemberg, posto al confine con Francia e Svizzera, è comodo da raggiungere dal nostro paese in treno, auto o aereo. Land tra i più popolosi del Paese, vanta diversi primati: è la regione con il maggior reddito pro-capite della Germania e quella con il miglior sistema scolastico, è conosciuto per l’eccellente offerta culturale, così come per la lunga tradizione termale, i vini i e la cucina gourmet. Una delle aree più visitate della Germania, offre una grande varietà di panorami e paesaggi, che vanno dagli incontaminati boschi della Foresta Nera alla vivacissima Stoccarda, fino al Lago di Costanza. Che si tratti di una vacanza-benessere o di un soggiorno attivo, viaggi con bambini o vacanze culturali, esperienze culinarie o grande shopping, il Baden-Württemberg è pronto a dare il benvenuto. Ed è proprio l’estate il momento in cui l’intero territorio si anima di eventi, spettacoli, festival e appuntamenti dedicati a tradizioni mai abbandonate. Tra le tante, regina è certamente la cultura enogastronomica di una Regione storicamente legata alla vigna, alla sua cultura e alla produzione del vino.

Stoccarda

E non c’è bisogno di attendere l’autunno per scoprire il Baden Württemberg oltre-la-birra: è già tempo di passeggiate e trekking nei vigneti, degustazioni in cantina, mostre-mercato, letture e incontri letterari a tema, visite guidate nelle aziende vitivinicole e nei musei dedicati all’enologia e alla viticoltura, corsi di abbinamento cibo-vino, menu speciali in locande e ristoranti. E poi, a partire dal 30 agosto e fino al 10 settembre, a Stoccarda è di nuovo ora di Weindorf, tradizionale kermesse enogastronomica che puntualmente trasforma il centro della città in un vero e proprio villaggio del vino. Negli stand i vini tipici del Baden-Württemberg si sposano con le specialità della cucina tradizionale: Käsespätzle (gnocchetti al formaggio), Maultaschen (ravioli di carne e spinaci), Schupfnudeln (stringoli di patate con i crauti) e molte altre leccornie.

Weindorf a Stoccarda

Non va dimenticato che quel capolavoro di verde, pennellato di nuance sempre nuove ad ogni stagione, che è l’isola-giardino di Mainau, rappresenta -oltre che un’oasi di natura in mezzo al lago di Costanza- una bolla di tradizioni nordiche nel Sud della Germania. I conti Bernadotte che vivono su questo lussureggiante parco “galleggiante”, hanno infatti origini svedesi… Ed ecco allora che a giugno, in un tripudio di rose (ben 10.000 arbusti, di oltre mille specie!) che sbocciano ovunque si fa largo tra i giardini e le aiuole di Mainau una delle più belle tradizioni estive: la Mittsommerfest (festa di mezza estate). Un appuntamento festoso con cui i popoli scandinavi, costretti a inverni dalle notti infinite, celebrano il solstizio d’estate, che quest’anno cade il 21 giugno, con la sua esplosione di luci, colori e profumi. La festa sull’isola è in calendario il 24 giugno prossimo e prevede musica e danze popolari svedesi, attività per i piccoli (preparazione di coroncine di fiori, avventure con Pippi Calzelunghe, prove di abilità, bricolage ecc.), sfilata delle lanterne nel parco all’imbrunire, girotondo attorno all’albero di mezza estate e degustazione di specialità nordiche.

L'Isola di Mainau

A Baden-Baden, elegante e rinomata località di cura e termale, non poteva non mostrarsi sensibile alle comprovate proprietà terapeutiche della musica. Accanto ad antiche acque benefiche, un clima salutare e paesaggi rasserenanti, ecco schierarsi anche una vera e propria “cura delle note”, che coccola tutti indifferentemente per tutta l’estate grazie a un calendario affollatissimo di appuntamenti musicali. Fino alla fine di luglio, ogni venerdì, sabato e domenica la Kurhaus offre la sua scenografia in stile Belle Epoque ai concerti della Filarmonica, diretta da Pavel Baleff; durante il mese di agosto, si trasforma in una milonga dove scatenarsi nel tango ogni weekend. Ancora musica classica, il 7 e 8 luglio, per i tradizionali concerti a castello, nel suggestivo cortile del maniero di Neuweier, immerso tra i vigneti del Rebland. La Filarmonica di Baden-Baden il 28 luglio (la sera prima della Notte dei Musei, che accompagnerà la visita alle numerose esposizioni locali con vari eventi musicali) si esibirà in uno spettacolare concerto in uno dei più bei giardini della città: il roseto Gönneranlage.

strassenmusikfestival 01 copyright bl  ba

Difficile migliorare la bellezza assoluta di una città-capolavoro come Ludwigsburg, ma certo la buona stagione le regala la luce migliore. Sullo sfondo della splendida residenza barocca e del suo parco è tempo di iniziative all’aperto, di grande suggestione. Fino al 22 luglio proseguono poi le Ludwigsburger Schlossfestspiele, rassegna musicale di respiro internazionale. Nella locandina 2017, sotto il motto “I colori della libertà”, concerti di vario genere (dalla classica al jazz), spettacoli di danza, serate di canto e performance sperimentali. Dopo i colori della libertà, quelli dell’autunno: dal 1° settembre e fino al 5 novembre vanno in scena tutte le sfumature di arancione, grazie alla Mostra Internazionale della Zucca. Il tradizionale appuntamento vede protagoniste oltre 450.000 sculture assemblate con un incredibile assortimento di variopinte cucurbite. Gli abili artisti quest’anno dovranno interpretare il tema “Roma antica” e si produrranno in sorprendenti opere. Vedremo, tra gli altri, dei gladiatori impegnati a scontrarsi, l’imperatore Giulio Cesare in piedi fiero sulla sua biga e un acquedotto gigante. A corollario della mostra, la regata delle zucche (si rema galleggiando all’interno di enormi ortaggi svuotati), il campionato mondiale per la zucca più pesante (si parla di quintali) e la festa del taglio e intaglio della zucca (a colpi di coltello ma anche di motosega…).

Ludwigsburg