Autore: Emanuela Di Gironimo

22 marzo, World Water Day. Quasi un miliardo di persone senza acqua sicura

Spesso la diamo per scontata ma è la risorsa più preziosa che abbiamo. Non è un bene illimitato e ad essa sono legati  il clima, l’agricoltura, la salute e la vita stessa sul pianeta. L’acqua, il 22 marzo di ogni anno viene celebrata con una giornata mondiale: ricorrenza istituita dell’Onu dal 1992 per sensibilizzare e spronare ad azioni concrete per combattere la crisi idrica globale. L’oro blu è centrale per la riduzione della povertà, per la crescita economica e la sostenibilità ambientale. E l’importanza della Giornata sta non solo nel riconoscere l’acqua come risorsa fondamentale per la sopravvivenza, ma...

Leggi

Immigrazione. Dai Cie ai nuovi centri per il rimpatrio. Vera novita? I dubbi di Luigi Manconi: “Non sono fiducioso”

Saranno più piccoli e più numerosi, uno per regione, e con capienza totale di 1600 posti su tutto il territorio nazionale. Sorgeranno fuori dai centri urbani e vicino ad infrastrutture dei trasporti, come stazioni ferroviarie o aeroporti. I nuovi Centri di permanenza per il rimpatrio previsti dal recente “decreto Minniti” dovranno sostituire a breve i vecchi Centri di identificazione ed espulsione, in cui spesso c’era violazione dei diritti. Ma c’è chi solleva dubbi. Il rischio è che possa trattarsi solo di un cambio di nome e non di sostanza. Il  presidente della Commissione diritti umani del Senato Luigi Manconi,...

Leggi

Oms: ogni anno muoiono 1,7 milioni di bambini per cause legate all’ambiente

Il 92% degli abitanti del pianeta non respira aria pulita. E i bambini sono i più esposti: inquinamento, acqua non potabile e servizi sanitari inefficaci rubano ogni anno 1,7 milioni di vite. Più di una morte su quattro fra i piccoli sotto i cinque anni è dunque attribuibile ad un ambiente insalubre. Sono solo alcuni dei dati shock diffusi dall’Organizzazione mondiale della sanità, che ha stilato due rapporti dai titoli emblematici: “Ereditare un ambiente sostenibile”, una sorta di atlante sulla salute infantile, e “Non inquinate il mio futuro”, un report di accompagnamento sulla portata della sfida da affrontare. Troppi...

Leggi

Smartphone, in 10 anni prodotti 7 miliardi di pezzi. Greenpeace Usa: devastante l’impatto sul pianeta

I telefonini vengono cambiati talmente spesso che la media di utilizzo è di soli due anni. Se si considerano tutti i materiali e l’energia richiesta per realizzarli, la loro durata e il basso tasso di riciclo, appare evidente che l’impatto sul pianeta è devastante. A 10 anni dal lancio del primo IPhone, un rapporto di Greenpeace Usa -diffuso in occasione del World mobile congress di Barcellona- sottolinea che dal 2007 al 2017 la produzione e lo smaltimento di smartphone hanno lasciato un’ impronta molto significativa. L’associazione ambientalista esorta quindi le aziende ad adottare un nuovo modello di produzione circolare....

Leggi

Pesticidi, i deputati europei chiedono l’approvazione di prodotti a basso rischio

I pesticidi biologici a basso rischio, che potrebbero sostituire quelli più dannosi per l’ambiente e per la salute umana, non possono ancora essere pienamente utilizzati nell’Unione Europea a causa delle modalità di certificazione troppo lente e tortuose. I deputati hanno invitato la Commissione a proporre una revisione delle norme, e sollecitato un programma comunitario di protezione più efficace....

Leggi

Blocco degli ingressi negli Usa, nuovo schiaffo dei giudici americani a Trump

Nuova bocciatura per il decreto Trump anti-immigrazione. La Corte d’Appello di San Francisco ha respinto il ricorso del presidente e negato il ripristino del  bando temporaneo che vieta l’ingresso negli Stati Uniti a rifugiati e cittadini provenienti da sette Paesi islamici. Con una decisione presa all’unanimità, il collegio ha confermato la sentenza del giudice federale di Seattle, James Robart, emessa lo scorso 3 febbraio. L’ordine esecutivo firmato da Donald Trump il 27 gennaio è ora nullo e i viaggiatori in arrivo da Iran, Iraq, Libia, Siria, Somalia, Sudan e Yemen -inizialmente messi al bando per 90 giorni- potranno entrare...

Leggi

Pena di morte, Nessuno Tocchi Caino: il governo italiano intervenga sul caso Djalali

Un altro uomo in Iran è a rischio di imminente esecuzione. La mano implacabile del boia potrebbe presto abbattersi su Ahmadreza Djalali, ricercatore iraniano legato anche al nostro Paese: dal 2011 al 2015 ha lavorato e studiato all’Università del Piemonte Orientale e collaborato con il Centro di ricerca in medicina di emergenza con sede a Novara. Si è rivelato funesto per lui il rientro in patria per una conferenza nell’aprile scorso, quando è stato risucchiato nel buco nero della prigione di Evin. Ha subìto pressioni psicologiche e mesi di totale isolamento. Poi è arrivata la sentenza di condanna a...

Leggi

Medici senza frontiere: lo stop Usa ai rifugiati è atto disumano

Un atto disumano che mette a rischio la vita di migliaia di persone in fuga da zone di guerra. La Ong Medici senza frontiere condanna cosi l’ordine esecutivo del presidente americano Donald Trump, che sospende per 120 giorni il programma di reinsediamento dei rifugiati negli Stati Uniti. L’organizzazione non governativa chiede pertanto l’immediato ripristino del  piano d’accoglienza per i profughi....

Leggi

Cambiamenti climatici ed eventi estremi, Europa sempre più vulnerabile

Gli eventi dei giorni scorsi nel centro Italia, con le nevicate eccezionali e le giornate di gelo che non si vedevano da decenni, sono solo la tessera di un mosaico globale. I fenomeni estremi sono ormai “la nuova normalità”. Ciò che anni fa poteva sembrare anomalo oggi è considerato un evento ordinario. A causa dei cambiamenti climatici l’Europa -che si sta riscaldando più in fretta della media del pianeta- dovrà prepararsi a fronteggiare rischi sempre maggiori. Aumenteranno le tempeste distruttive e le inondazioni nei Paesi affacciati sull’oceano Atlantico, che avranno piogge più abbondanti. L’area Mediterranea invece sarà colpita da...

Leggi

Resta alto il rischio valanghe dopo la tragedia di Farindola. Con le scosse, cresce la probabilità di distacchi

L’hotel Rigopiano, incastonato tra le montagne del Gran Sasso, resta sepolto sotto la neve. La tragedia della slavina piombata sul resort di Farindola ha fatto alzare l’attenzione sul rischio valanghe, che cresce in tutte le aree montane dell’Appennino: Marche, Abruzzo Lazio e Molise. Il grado forte del pericolo -con le abbondanti nevicate associate a raffiche di vento previste anche nelle prossime ore- potrebbe trasformarsi in “molto forte”. E con le scosse di terremoto, c’è un’ulteriore probabilità di distacchi. Dal Comando Unità Tutela Forestale, Ambientale e Agroalimentare dei Carabinieri arrivano le raccomandazioni: evitare assolutamente di frequentare pendii ripidi innevati, sia...

Leggi

La Corte dei Conti Ue denuncia: inefficace la lotta allo spreco alimentare

La strategia adottata finora nell’Ue per combattere e ridurre gli sprechi alimentari, non funziona. Mancano parametri condivisi e le politiche non sono coordinate. Le iniziative per gestire il problema sono frammentate e intermittenti. E’ quanto denuncia in una relazione pubblicata oggi la Corte dei Conti europea, che critica apertamente la Commissione: “Non svolge pienamente il suo ruolo di coordinamento, e la sua ambizione sul tema è diminuita nel tempo. A livello tecnico non è andata oltre l’istituzione di gruppi di lavoro e di gruppi di esperti, le cui riunioni oltretutto non sono state tenute abbastanza spesso da creare un...

Leggi

Sparito oltre il 7% delle foreste vergini nel mondo, in poco più di un decennio

La deforestazione marcia a grande velocità: in tredici anni si è portata via un polmone verde grande quanto il Venezuela. Lo rivela una ricerca dell’Università del Maryland. Sono scomparsi centinaia di migliaia di chilometri quadrati di selve preziose, che hanno un ruolo fondamentale nell’assorbire anidride carbonica contro l’effetto serra e nella protezione della biodiversità. Nel 2000 le foreste vergini nel mondo coprivano 12.800.000 chilometri quadrati, nel 2013 ne coprivano 11.881.000. La perdita più grande si è registrata in Sudamerica, poi in Asia sudorientale e Africa equatoriale. Prima causa, l’industria del legname....

Leggi

Erosione costiera, il caso della Francia

Ogni anno spariscono fino a otto metri di litorale. Allarme in Francia per l’erosione delle coste, che in certe zone -scrive Le Monde- potrebbero arretrare di 50 metri entro il 2050. L’innalzamento del livello del mare fa ritirare le dune e provoca frane. Moti ondosi e tempeste sottopongono i territori a continui cambiamenti, che si evidenziano con nuovi assestamenti della linea di riva e con superfici territoriali sommerse dal mare. All’esame del Parlamento di Parigi una proposta di legge sull’adattamento delle aree costiere ai mutamenti climatici....

Leggi

Il Papa dedica la Giornata mondiale del migrante ai minori soli

Oltre 65 milioni di migranti forzati nel mondo. Spostamenti che comportano sofferenze umane immense. E nel contesto internazionale, preoccupa in particolare la condizione dei minori soli. Sono i più fragili, spesso invisibili perché privi di documenti o senza accompagnatori. Il Papa ha scelto proprio i profughi minorenni come tema della 103esima giornata mondiale del migrante e del rifugiato che si celebra il 15 gennaio.      ...

Leggi

Ha aiutato decine di migranti ad entrare in Francia. Agricoltore condannato a otto mesi

Un eroe popolare, un contadino dal cuore buono, secondo i suoi sostenitori. Ma per le autorità è un attivista che viola la legge permettendo ai migranti di oltrepassare la frontiera dall’Italia in barba alla polizia. Fa discutere il caso di Cédric Herrou, 37 anni, che produce olive e uova nella valle della Roya, estremo sudest della Francia al confine con il basso Piemonte. L’agricoltore ha aiutato decine di persone fuggite dall’Eritrea a trovare riparo in terra transalpina e per questo è stato condannato da un tribunale di Nizza a otto mesi. Favoreggiamento di soggiorno irregolare.  “Ho agito solo per...

Leggi

Smog, per l’Oms la Polonia è maglia nera in Europa. Sotto accusa il forte utilizzo di carbone

La Polonia, dove le abitazioni bruciano combustibile fossile in modo massiccio, è il Paese europeo con il più alto tasso di inquinamento dell’aria secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità. Situazione particolarmente critica nel sud, dove sono state largamente oltrepassate le soglie imposte dalle direttive Ue. Sotto accusa anche la mancanza di politiche green da parte dell’esecutivo conservatore. “Il carbone -ha dichiarato il presidente Duda- continuerà ad essere la spina dorsale del nostro settore energetico”....

Leggi

Svolta per il futuro degli elefanti: la Cina vieta il commercio di avorio

Il gigante asiatico ha annunciato la messa al bando di tutte le attività commerciali e di trasformazione dell’avorio entro la fine del 2017. Una decisione storica, che contrasterà il bracconaggio e contribuirà a salvare gli elefanti africani dall’estinzione. Si stima che il 50-70 per cento di tutto l’avorio di contrabbando finisca proprio in Cina, dove è considerato uno status symbol, pagato profumatamente, fino a 1.100 dollari al chilo. Ma dopo anni di crescente pressione internazionale da parte dei sostenitori della fauna selvatica e dopo un importante accordo preso con gli Usa nel 2015, è arrivata la svolta: il Consiglio...

Leggi

I bambini profughi della “Giungla” di Calais denunciano il governo inglese: promesse disattese sulle richieste d’asilo

Finisce in tribunale il piano del governo britannico per le decine di bambini migranti che hanno vissuto la drammatica esperienza del campo di Calais, conosciuto come “giungla”, nel nord della Francia. Dopo rinvii e ritardi, 36 minori hanno avviato un’azione legale contro l’esecutivo conservatore di Theresa May, che sulla scarsa politica di accoglienza ha già subìto numerose critiche. Ragazzini tra i 14 e i 17 anni accusano attraverso un team di avvocati il ministro degli Interni britannico Amber Rudd, che avrebbe gestito in modo illegittimo, scorretto, le loro richieste di asilo a Londra. I minori in sostanza non sono...

Leggi

Ghepardi a rischio estinzione, Sos dagli scienziati: in natura restano solo 7100 esemplari

Magnifico predatore, manto maculato, può correre come il vento sfrecciando ad oltre 100 chilometri orari. Felino tra i più affascinanti, il ghepardo è purtroppo sempre più raro. A rischio estinzione. Gli scienziati lanciano l’allarme in uno studio congiunto guidato dalla Zoological Society di Londra e dalle organizzazioni per la tutela ambientale Wildlife Conservation Society e Panthera: in tutto il mondo sono rimasti in natura soltanto 7100 esemplari. Secondo la ricerca -pubblicata sul giornale specializzato Pnas, Proceedings of the National Academy of Sciences- oltre la metà dei ghepardi superstiti vive dislocata in sei Paesi dell’Africa meridionale. Critica invece la situazione...

Leggi

Ultima azione ambientale di Obama: stop alle trivellazioni in Artico e Atlantico per petrolio e gas

Obama rafforza la sua eredità verde e assesta il suo ultimo colpo in tema di ambiente prima di dire addio il 20 gennaio alla Casa Bianca: vietata a tempo indeterminato la concessione di nuove licenze per le trivellazioni nell’Artico e lungo le coste dell’Atlantico. Non si potrà più estrarre petrolio e gas naturale in 31 zone dichiarate off limits -circa 3,8 milioni di acri- lungo le coste che vanno dal New England fino alla Virginia, per proteggere un ambiente dal valore ecologico insostituibile. Stop alle concessioni anche nel 98% delle acque artiche federali Usa, 115 milioni di acri, una...

Leggi
  • 1
  • 2