foto due eventi estremi 600x480Gli eventi dei giorni scorsi nel centro Italia, con le nevicate eccezionali e le giornate di gelo che non si vedevano da decenni, sono solo la tessera di un mosaico globale. I fenomeni estremi sono ormai “la nuova normalità”. Ciò che anni fa poteva sembrare anomalo oggi è considerato un evento ordinario. A causa dei cambiamenti climatici l’Europa -che si sta riscaldando più in fretta della media del pianeta- dovrà prepararsi a fronteggiare rischi sempre maggiori. Aumenteranno le tempeste distruttive e le inondazioni nei Paesi affacciati sull’oceano Atlantico, che avranno piogge più abbondanti. L’area Mediterranea invece sarà colpita da un drastico aumento delle ondate di calore, delle fasi di siccità, con l’aumento di raccolti inutilizzabili e incendi boschivi. Il quadro è tracciato in un nuovo report dell’Agenzia europea dell’ambiente, che sottolinea anche i danni per la salute e l’economia. Da mettere in conto inoltre la perdita di biodiversità, con raccolti pronti in inverno anziché alla fine dell’estate.