Pallotta c’è , Totti no. Non siamo a Trigoria, però, ma alla Filmoteca Vaticana. E il primo non è il presidente della Roma, ma l’uomo che nel 2014 ha dipinto il murales di “Papa Francesco supereroe” a Borgo Pio,  mentre la bandiera giallorossa è il testimonial del video di #OrdinaryHeroes. Si tratta – spiegano Monsignor Viganò e Monsignor Becciu – di un’iniziativa benefica di livello internazionale, dedicata ai normali eroi di tutti i giorni, autori di gesti di solidarietà concreti nei confronti del prossimo. Da Francesco a Francesco insomma. Quel dipinto spontaneo – “Ho pensato al Papa come ad un supereroe dai tratti di una eroicità ordinaria, ma ad un certo punto ho pure temuto di correre qualche guaio” confessa Mauro Pallotta, in arte MauPal – ora campeggia su una t-shirt, che sarà autografata da vip del mondo dello sport, dello spettacolo e della cultura, prima di essere battuta all’asta: i proventi saranno devoluti all’Obolo di San Pietro, uno degli strumenti di cui si serve il pontefice per fare la carità. La prima firma è quella di Totti, che ha ricoperto il ruolo di testimonial e nel video ha già “nominato” Diego Armando Maradona. Tra gli altri saranno coinvolti Alex Del Piero e il campione di Motociclismo, Marc Marquez. Durante questa staffetta in giro per il mondo la t-shirt verrà autografata dal testimonial di turno, che nominerà quello successivo, coinvolgendo il pubblico su Facebook e Instagram e invitando i follower a raccontare e a compiere azioni di “straordinaria normalità”. Nel segno dell’hashtag #OrdinaryHeroes.

Il video di Francesco Totti