Palermo sarà la capitale italiana della cultura per il 2018. L’annuncio è stato dato dal ministro dei Beni culturali e del turismo, Dario Franceschini. Il capoluogo siciliano è stato scelto dalla giuria presieduta da Stefano Baia Curioni nella lista delle 10 città finaliste che comprendevano anche Alghero, Aquileia, Comacchio, Ercolano, Montebelluna, Recanati, Settimo torinese, Trento ed Erice. Alla città vincitrice sarà assegnato un contributo di un milione di euro e l’esclusione delle risorse investite nella realizzazione del progetto dal vincolo del patto di stabilità.
“La candidatura è sostenuta da un progetto credibile, di altissimo livello supportato da tutti i partner istituzionali” ha commentato il ministro Franceschini. “Che grande emozione, abbiamo vinto tutti”, ha detto il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.
Palermo ha puntato moltissimo Manifesta12, una fra le principale biennali di arte contemporanea su scala mondiale che si svolgerà in città proprio nel 2018 oltre a sfruttare la decisione dell’Unesco che nel 2015 ha dichiarato Patrimonio dell’Umanità il percorso arabo-normanno di Palermo, Monreale e Cefalù. Palermo già nel 2012 era stata bocciata nella selezione per diventare capitale europea della cultura. Palermo è preceduta nel 2017 da Pistoia mentre nel 2019 sarà Matera, nell’anno in cui è anche capitale europea della cultura.