E’ una delle valli più conosciute e più belle dell’Alto Adige. Parliamo della Valle Isarco, lunga complessivamente circa 80 km, è percorsa dall’omonimo fiume e comprende alcune città come Bressanone, Chiusa, Ponte Gardena e Vipiteno. Attraverso la Valle Isarco passano l’autostrada A 22 del Brennero che collega Italia e Austria e la ferrovia internazionale del Brennero, che proprio quest’anno festeggia i 150 anni di vita. La Valle Isarco è una regione per tutti i gusti e per tutte le stagioni: si può scegliere in inverno tra gli sport invernali con i numerosi impianti e le passeggiate in estate tra i numerosi sentieri in uno scenario naturale bellissimo con panorami mozzafiato. Ma anche i più sedentari trovano nella Valle Isarco motivo di soddisfazione. Chi ama passeggiate più tranquille in città può dedicarsi alla visita della città vescovile di Bressanone con il suo Duomo, può visitare Vipiteno e il suo affascinante centro, l’abbazia di Novacella e molte altre bellezze naturali e architettoniche e soprattutto si possono gustare i numerosi prodotti enogastronomici della zona con i suoi sapori più tradizionali. Proprio per questo il Consorzio turistico Valle Isarco ha pensato di istituire il “Percorso dei Sapori”, escursioni guidate e visite con sosta e degustazione per conoscere questo straordinario mondo. Iniziamo anche noi questo Percorso tra i prodotti dell’eccellenza enogastronomica della Valle isarco.

zirmait alm 1
IMG 4752

La Mela – La mela è una indiscussa protagonista della cucina della Valle, un prelibato frutto che troviamo nello strudel, nei canederli e nei risotti. A livello mondiale, una mela su dieci proviene dall’Alto Adige. Un’escursione sull’altopiano delle mele di Naz-Sciaves porta a visitare i melicoltori di questa zona. Durante la visita vengono fornite informazioni interessanti sulla coltivazione e la conservazione e non mancano ovviamente i momenti di degustazione di questa prelibata “bomba” di vitamine. Infine, un breve corso svela tutti i segreti su come utilizzare al meglio il pregiato frutto in cucina.

Mele

Il Vino – La regione vinicola della Valle Isarco è quella più a nord d’Italia, la posizione dei terreni da coltivare rappresenta la sfida maggiore per i viticoltori. Ma forse è proprio per la pendenza del terreno e per le giornate calde e le notti fredde che qui crescono alcuni dei migliori vini bianchi d’Italia. La Valle Isarco è celebre per i suoi vini bianchi, rinomati per l’aroma sottile e fruttato e il corpo elegante e deciso, che provengano dall’antica cantina dell’Abbazia di Novacella, dalla Cantina Sociale della Valle Isarco di Chiusa o da uno dei produttori vinicoli della zona. Le notti fresche, i giorni tiepidi e la buona ventilazione della valle contribuiscono a conferire al vino della Val d’Isarco un sapore tipicamente aspro e secco e un corpo robusto e pieno. Il Sylvaner è la varietà più diffusa e cresce sui pendii riparati dal vento, ad un’altitudine compresa tra  i 500 e i 700 metri s.l.m.. Il Sylvaner è un vino fruttato ed elegante che si accompagna bene alle specialità tipiche della Valle Isarco. Altrettanto diffuso è il Müller Thurgau . Questo vitigno ama l’altitudine e si arrampica fino agli 850 metri di quota. Il suo sapore semplice e gioviale lo rendono amato come aperitivo e vino estivo. Il Gewürztraminer copre i pendii migliori e più caldi. Le uve raccolte a fine ottobre regalano un vino complesso e robusto. Questo vino è l’ideale con piatti dal gusto deciso come canederli ai funghi porcini con burro fuso o carne affumicata con crauti. Il Kerner è un vino recente, che sorprende con costanti ottime annate. E’ l’accompagnamento ideale per piatti primaverili ed estivi come asparagi, gnocchi di ricotta e pesce alla griglia. Il Riesling si contraddistingue per la sua caratteristica acidità ma anche per la sua lunga storia nella Valle Isarco. Anche le altre varietà di vino che vengono coltivate in Valle Isarco come il fruttato Veltliner, l’elegante Pinot Grigio e il Riesling sono, proprio in ragione del loro luogo di coltivazione, vini gradevoli e pluripremiati.

La Cantina storica dell'Abbazia di Novacella
Vendemmia 2

Latte e Formaggi – Quando si pensa alla Valle Isarco, ai pascoli alpini e alle malghe non si può non associare il tutto all’oro bianco, il latte, con tutti i suoi derivati. Latte fresco, yogurt, burro di malga, formaggio. Sono tanti i prodotti caseari prodotti grazie ai 1600 produttori di latte fresco in Valle Isarco. Il Percorso dei sapori è anche un viaggio attraverso il latte. Quali erbe piacciono particolarmente alle mucche? Perché il latte d’alta quota è così buono? E perché alcune varietà di formaggio presentano uno strato di muffa? Con il percorso si intrapende un viaggio attraverso il latte con escursioni e buona cucina. Un viaggio da non perdere all’insegna delle escursioni e della buona cucina nelle malghe e nei caseifici che producono latte, yogurt e formaggi. Una visita merita “Degust” a Varna. Da Degust vengono selezionati le migliori tipologie di formaggi a latte crudo della Valle Isarco, dell’Alto Adige, delle altre regioni d’Italia e dall’estero, per creare sempre nuovi affinamenti.  Qui si selezionano e affinano piccole produzioni casearie di “nicchia”, tutte caratterizzate da un alto pregio qualitativo e organolettico. L´affinatore perfeziona ed esalta aromi e sapori dei formaggi che seleziona curandone la naturale stagionatura e impreziosendoli di nuove fragranze che donano ai prodotti profili gustativi unici. Da quando si produce il formaggio è sempre esistito il problema del suo mantenimento. Sono nati così modi differenti per conservarlo: avvolto nelle foglie o nel fieno, ricoperto da vinacce, cera d’api o spezie. L´affinatore si assicura che il formaggio mantenga il suo profilo organolettico originale nel rispetto dell´accurato lavoro del casaro. Gli abbinamenti, infatti, sono pensati con lo scopo di esaltare le materie prime. Una volta pronto, il formaggio viene avvolto in un packaging non invasivo con il duplice scopo di proteggerlo e di migliorarne l´aspetto estetico. l fondatore, lo chef stellato Hansi Baumgartner, ha trasferito le sue conoscenze culinarie nella raffinata arte dell’affinamento. Grazie alla sua pregressa esperienza, ha saputo abbinare ai formaggi ingredienti tra i più ricercati, creando tecniche di affinamento le cui radici affondano nei tradizionali metodi di conservazione del formaggio. Hansi ha scelto un bunker a Rio Pusteria per poter affinare i formaggi. Caratteristica indispensabile è il mantenimento dei parametri di umidità al 95% con temperatura di 12°, areazione e oscurità  che devono essere costanti tutto l’anno. Qui si affinano oltre 200 tipi di formaggio di cui circa 60 locali. Da Degust è possibile anche lo shop e soprattutto degustare i vari tipi di formaggio.

bsc5409
Hansi Baumgartner, affinatore di formaggi
Una degustazione di formaggi da Degust

Le prugne di Barbiano – Questi frutti dolci e ricchi di vitamine e minerali sono la base per diverse delizie culinarie: sia come marmellata, nel risotto o servito con petto d’anatra, o molto amato in dessert come gnocchi di prugne e strudel di prugne – l’aroma delicato rende le prugne di Barbiano ricche di sapori. Frutti speciali, che si possono imparare a conoscere durante un’escursione lungo le pendenze assolate di Barbiano.

Miele – I fiori alpini donano al miele dell’Alto Adige un sapore intenso. In tal modo, si producono varietà infinite di sapori, dolci per il palato e allo stesso tempo rimedi calmanti. Le “escursioni guidate del miele” forniranno importanti informazioni sulla produzione del miele e sulla vita delle api.

Prugne di Barbiano

La Castagna – Cosa sarebbe un’”autentica” festa del Törggelen senza le ottime castagne locali? Potrete scoprire i vari metodi di utilizzo delle castagne durante l’escursione lungo il “Sentiero del castagno”, durante il periodo del Törggelen o visitando il maso di un coltivatore di questo pregiato frutto.

Erbe – Nel paesaggio culturale della Valle Isarco crescono rigogliose numerose piante, che già anticamente erano usate come medicina per uomini e animali. Oggi alcuni coltivatori di erbe proseguono questa antica tradizione, e lavorano nelle loro fattorie le erbe per trasformarle in tè, luquori o essenze per prodotti cosmetici.

Castagno

L’offerta è, mai come in questo caso, per tutti i gusti e per tutte le tasche, per grandi e piccini. Un motivo in più per visitare la Valle Isarco. Qui si può scaricare il programma ufficiale dei Percorsi dei Sapori 

Per tutte le informazioni sulla Valle Isarco:

Valle Isarco Marketing Bastioni Maggiori 26a, I-39042 Bressanone (BZ) Tel. +39 0472 802 232 info@valleisarco.com