Interno Colosseo2 640x425Nasce il Parco Archeologico del Colosseo di Roma. Ad annunciare l’importante novità il ministro dei Beni culturali del Turismo, Dario Franceschini, che ha presentato i contenuti del decreto di riorganizzazione della Soprintendenza speciale per il Colosseo e l’Area archeologica centrale di Roma
Il Parco archeologico avrà la competenza sul Colosseo, sul Foro romano, sul Palatino e sulla Domus Aurea, che già oggi hanno un unico biglietto. Il nuovo Parco sarà istituito con un decreto, che verrà firmato a breve e sarà oggetto di un confronto con i sindacati, per poi passare al vaglio della Corte dei Conti. Il direttore del Parco archeologico sarà poi selezionato con un bando internazionale
Si tratta di “un Parco Archeologico che avrà l’autonomia di cui godono gli altri parchi archeologici”, ha spiegato Franceschini, sottolineando che il direttore della nuova entità verrà scelto con la selezione internazionale. Accanto al parco nascerà anche una soprintendenza ad hoc per il resto della città che avrà competenza su tutti i settori mantenendo l’autonomia gestionale e contabile anche su alcuni siti e che comprenderà l’intero territorio di Roma.
La Soprintendenza speciale riceverà il 30 % degli incassi complessivi annui del Parco archeologico del Colosseo, oltre ai fondi ordinari allocati a tutte le soprintendenze dal ministero. Poco meno di un terzo degli introiti da bigliettazione del Parco andranno quindi alla Soprintendenza, mentre un 20 % sarà destinato al fondo di solidarietà per l’intero sistema museale nazionale. Il restante 50 % rimarrà dunque al Parco. La soprintendenza speciale disporrà inoltre di un finanziamento stabile pari ad almeno 11 milioni di euro annui.